Cos’è un funnel e come funziona?

Se proviamo a tradurre la parola funnel dall’inglese, otterremo come risultato: imbuto.

Ed è proprio un imbuto quello di cui parleremo, l’imbuto che porta un visitatore attratto tramite posizionamento organico e campagne adv (visitor) di un sito web ad esserne un cliente (customer).

La forma a imbuto è rappresentativa del quantitativo del nostro target, in grande numero negli step iniziali, fino a ridursi nel momento in cui completano l’acquisto di un nostro prodotto.

La parola funnel è spesso associata a molte altre, come purchase funnel, sales funnel e conversion funnel. Comunque la vediamo, in linea teorica questo modello è applicabile alla totalità dei siti web che troviamo in rete, ma si lega sicuramente meglio agli e-commerce e alle landing page, in tutte quelle pagine che cercano di trasformare un visitatore in un cliente.

Sales Funnel

Se stai leggendo questo blog però, forse è meglio scendere nello specifico dell’Inbound Marketing, e quindi la nostra piramide rovesciata viene convenzionalmente divisa in 3 macro sezioni:

  • TOFU (Top of the Funnel)
  • MOFU (Middle of the Funnel)
  • BOFU (Bottom of the Funnel)

Funnel TOFU MOFU BOFU

Se ci fermiamo ad osservare il nostro imbuto, troveremo in cima tutti i contenuti che generano traffico al nostro sito web, come articoli, comunicati stampa e pagine del sito. Una volta entrati, si innesca tutto il meccanismo che vediamo nell’immagine.

Dopo le pagine “libere”, i visitatori verranno indirizzati verso i nostri contenuti TOFU, che utilizzeremo per generare lead, ad esempio white paper, guide, e dei brevi video.

Successivamente troviamo i MOFU, con il compito di trasformare un lead in prospect. I più comuni sono ebook, case study e video decisamente lunghi.

Arrivati in fondo, ci sono i BOFU, quelli che utilizzeremo per generare le nostre amate vendite, come test gratuiti, demo e coupon.

Trasformare un semplice visitatore in un cliente non è cosa da pochi minuti, ma una staffetta da portare a termine, ci sono vari step da superare prima di arrivare alla fine. Non tutti i professioni del settore però sono consapevoli che il il percorso della conversione è assai tortuoso.

Attenzione agli errori

Se il nostro sito web con 1000 visite fa 5 conversioni, raddoppiandole visite con delle campagne Pay-per-Click non è detto che le conversioni aumentino proporzionalmente.

I Must-Have

Servizi come Crazy Egg o Clicktale, che generano heatmap (mappa di calore) e registrano il comportamento del visitatore sulle pagine del sito.

Per finire con un po’ di pratica sull’A/B testing, magari utilizzando Optimizely, UnbounceInstapage.

Un regalo per te

Ora che sei pronto e sai benissimo cos’è e come funziona un Funnel di vendita, ti invito ad entrare nel gruppo Facebook più interessante su questo argomento. Clicca sul link per accedere!

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest

Lascia un commento